La fidelizzazione dei pazienti: 5 modi comprovati per prevenire l'abbandono dei pazienti

La fidelizzazione dei pazienti: 5 modi comprovati per prevenire l'abbandono dei pazienti

I cali, le cadute, i pazienti decaduti, non importa come li si chiami, capitano a tutti gli operatori. Trattate un paziente e fate qualche progresso, ma dopo la seconda o terza seduta il paziente scompare. Vi suona familiare? Non è il risultato desiderato, per non parlare del fatto che vi costa tempo e denaro. Ma, proprio come nel caso delle lesioni o del dolore cronico del vostro paziente, potete contribuire a ridurlo e a prevenirlo! Quindi, quali misure potete adottare, in quanto operatori sanitari, per aumentare la fidelizzazione e migliorare i risultati dei vostri pazienti?

In qualità di operatori sanitari, quali misure potete adottare per aumentare la fidelizzazione e migliorare i risultati dei pazienti?

non credeteci sulla parola

1. Trattare la persona, non il problema

Nessun paziente vuole sentirsi solo un altro numero nel vostro database. Se il vostro obiettivo principale è quello di aiutare i pazienti a riprendersi dall'infortunio, il loro obiettivo è quello di tornare a fare ciò che amano. Ascoltate attivamente ciò che vi dicono e prendete appunti sulle conversazioni che avete, in modo da poter dare seguito alle questioni che li riguardano personalmente.

Il 39% dei clienti ammette di non voler spendere soldi per un'azienda che non offre un'esperienza personalizzata (fonte: Hubspot). 

Inoltre, condividete storie su di voi in modo che possano conoscervi meglio. Questo contribuisce a sviluppare la fiducia che è fondamentale in ogni relazione di successo e rende molto più probabile che vogliano rivedervi. 

Suggerimento: Preparatevi alla conversazione stilando un elenco di domande per rompere il ghiaccio, argomenti di tendenza e spunti di conversazione che aiutino i pazienti ad aprirsi.

2. Stabilire obiettivi, tappe e aspettative chiare (cioè un piano di trattamento!).

Il recupero raramente è un percorso lineare. La definizione di aspettative chiare è fondamentale per costruire un rapporto di successo tra paziente e terapeuta. Un piano di trattamento non solo delinea un calendario realistico per il recupero, ma suddivide anche gli obiettivi ambiziosi in tappe gestibili. Queste pietre miliari forniscono ai pazienti un senso di progresso e consentono agli operatori di adattare il piano in base alle necessità. Con aspettative allineate e pazienti informati, il viaggio verso la guarigione diventa un'esperienza collaborativa e potenziante per tutti i soggetti coinvolti.


3. Fissare il prossimo appuntamento del paziente prima che se ne vada. 

I pazienti che prenotano nuovamente il giorno dell'appuntamento effettuano in media dal 30% al 50% di visite in più all'anno rispetto a quelli che non lo fanno (fonte: Yocale).

Prendete in considerazione l'idea di prenotare voi stessi il prossimo trattamento del paziente o di dedicare un minuto in più per accompagnare i pazienti all'ingresso della clinica e prenotare il loro prossimo appuntamento con il personale del vostro studio. Potete anche suggerire al paziente di venire alla stessa ora ogni settimana o mese, per creare una routine. Con il giusto software di programmazione, potete chiedere al vostro personale amministrativo di impostare in anticipo gli appuntamenti ricorrenti, riducendo così il lavoro amministrativo e contribuendo ad aumentare il tasso di prenotazioni.

4. Non abbiate paura di mandargli un messaggio

È passata una settimana dall'ultima visita del paziente e non è stato ancora fissato un appuntamento di follow-up: è il momento di contattarlo personalmente. Può bastare un semplice messaggio con una domanda aperta del tipo "Come va, John?". Un messaggio personale aiuta ad aprire il dialogo per capire meglio cosa possa trattenere il paziente dal prenotare nuovamente. In qualità di medico, conoscete meglio il loro caso e potete rispondere in modo ponderato a qualsiasi domanda o preoccupazione.

Perché inviare un SMS? Gli SMS sono meno invasivi di una telefonata, più diretti di un'e-mail e hanno un tasso di risposta eccezionalmente alto: il 90% viene aperto e letto entro 3 minuti! Inoltre, a seconda del software della vostra clinica, i messaggi possono essere inviati direttamente dal vostro EMR. Il Practitioner Dashboard di Juvonno, ad esempio, consente agli operatori di inviare un testo direttamente dalla loro applicazione, in modo che la corrispondenza sia tracciata, organizzata e facile da inviare.

5. Massimizzare il tempo con la messaggistica automatica

L'incorporazione di e-mail e messaggi di follow-up automatizzati consente di risparmiare tempo e di garantire un contatto costante nei punti critici del percorso del paziente. Questo vi aiuta a capire in quale punto dell'esperienza del paziente i vostri pazienti abbandonano più spesso, in modo da poter implementare nuovi processi per prevenirli. 

Le vostre e-mail automatiche devono fornire un motivo chiaro per cui vi siete rivolti a loro e, idealmente, parlare delle esigenze specifiche del paziente (pensate a blog, video, promozioni, ecc.) e, naturalmente, un link alla vostra pagina di prenotazione online. Con uno strumento integrato nell'EMR come JComm, i messaggi personalizzati vengono inviati istantaneamente quando i pazienti soddisfano i parametri impostati. Ad esempio, i parametri potrebbero essere quelli di inviare il messaggio ai pazienti la cui ultima visita risale a più di 30 giorni fa e che non hanno prenotato una visita futura. È dimostrato che questo tipo di messaggistica altamente mirata ha un coinvolgimento molto più elevato. Infatti, il 72% dei consumatori dichiara di impegnarsi solo con messaggi personalizzati, secondo Smarter HQ.

Prendete in considerazione la possibilità di creare un piano di comunicazione per l'abbandono dei pazienti che delinei una serie di messaggi altamente mirati da inviare in ogni fase dell'esperienza del paziente. Se siete in cerca di ispirazione, date un'occhiata a questo piano di comunicazione in 3 fasi per ridurre l'abbandono dei pazienti.

Per saperne di più su Juvonno EMR e come possiamo aiutarvi a far crescere la vostra azienda.


Autori: Patty Romeo e Derek Siddron di Juvonno

Inviando questo modulo avete acconsentito a consentire a Physitrack di trattare i vostri dati per soddisfare la vostra richiesta in linea con la nostra politica sulla privacy.
Grazie! Controllate la vostra casella di posta: la guida arriverà tra pochi minuti 🥳
Oops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.
Nessun articolo trovato.

5 modi per migliorare la ricerca degli esercizi con Copilot Search

Siete sopraffatti dall'esigenza di conciliare l'assistenza di qualità ai pazienti con le attività amministrative?

Noi di Physitrack comprendiamo le vostre sfide. Ecco perché abbiamo creato Copilot Search, uno strumento innovativo progettato per semplificare il processo di prescrizione degli esercizi. Con l'accesso a oltre 17.000 video di esercizi, Copilot Search vi aiuta a trovare gli esercizi perfetti in modo rapido ed efficiente.

Siete curiosi di sapere come funziona e come può trasformare la vostra attività?

Scoprite nella nostra guida i vantaggi della ricerca AI Copilot e imparate i suggerimenti pratici per ottenere esattamente ciò che vi serve in pochi secondi.

12 anni, 12 domande, 12 lezioni con il CEO e cofondatore di Physitrack Group, Henrik Molin

Si dice che il tempo voli quando ci si diverte. Cosa si può racchiudere negli ultimi 12 anni, dai primi giorni di fondazione di Physitrack all'attuale team di oltre 80 membri che aiutano milioni di persone?

Abbiamo posto a Henrik 12 domande e abbiamo scoperto come questo umile leader riflette sulle 12 lezioni degli ultimi 12 anni.

Preparatevi ad approfondire la storia di Physitrack, a conoscere meglio Henrik Molin e a scoprire quali innovazioni sono in arrivo nell'entusiasmante panorama della salute digitale.

E se la prescrizione dell'esercizio fisico potesse essere ancora più veloce?

A volte è necessario assegnare un programma il più rapidamente possibile. Ecco l'EasyAssign di Physitrack: assegnare i programmi direttamente dal cestino, senza parametri di esercizio, solo con una breve istruzione, personalizzabile in base alle esigenze individuali del paziente. Ma come funziona? Scopriamolo.

Immagine da Movement Clinic

Movimento Clinica per consentire il movimento per uno scopo più grande

La Movement Clinic è sempre alla ricerca di modi per migliorare il recupero dei suoi pazienti. Con Physitrack, hanno fatto un passo avanti nell'aiutare i pazienti a raggiungere un migliore benessere e movimento.

> 1100

numero di dipendenti

2018

anno dall'utilizzo di Physitrack

> 12,000

operazioni all'anno

Immagine da Movement Clinic

Movimento Clinica per consentire il movimento per uno scopo più grande

La Movement Clinic è sempre alla ricerca di modi per migliorare il recupero dei suoi pazienti. Con Physitrack, hanno fatto un passo avanti nell'aiutare i pazienti a raggiungere un migliore benessere e movimento.

> 1100

numero di dipendenti

2018

anno dall'utilizzo di Physitrack

> 12,000

operazioni all'anno

Immagine da Movement Clinic

Movimento Clinica per consentire il movimento per uno scopo più grande

La Movement Clinic è sempre alla ricerca di modi per migliorare il recupero dei suoi pazienti. Con Physitrack, hanno fatto un passo avanti nell'aiutare i pazienti a raggiungere un migliore benessere e movimento.

> 1100

numero di dipendenti

2018

anno dall'utilizzo di Physitrack

> 12,000

operazioni all'anno

freccia a sinistra
freccia a destra

Pronti per iniziare?

Unitevi a migliaia di professionisti soddisfatti e portate il vostro studio al livello successivo. La soluzione perfetta per supportare l'intero percorso del cliente. Tutto in un'unica applicazione.

Prescrizione dell'esercizio
Raccolta di dati sui Valutazioni per facilitare l'analisi
Telesanità e messaggistica